Emulazione o profitto? L'avvio delle esposizioni agricole nell'Italia preunitaria

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]La nascita e prima diffusione delle esposizioni agrarie negli anni Quaranta e Cinquanta del sec. XIX – esposizioni che si moltiplicheranno e articoleranno in misura davvero notevole nel secondo Ottocento – rappresentò uno snodo decisivo nella storia delle manifestazioni espositive e un’innovazione importante nella formazione e nella diffusione delle conoscenze agrarie. Alimentandosi delle discussioni sui sistemi più idonei di incentivazione dell’economia, allora sorsero le prime manifestazioni rivolte al settore agricolo, promosse non più dai governi o da istituzioni semipubbliche ma da gruppi di possidenti, imprenditori e uomini di scienza, e rivolte a un pubblico ben differente rispetto a quello delle esposizioni d’arte e d’industria. Il saggio, basato su fonti originali, ricostruisce anzitutto l’eco nella penisola italiana delle esposizioni estere dove l’agricoltura trovò un proprio spazio pubblico. Quindi esamina lo sviluppo delle esposizioni agrarie e orticole in Piemonte, Lombardia ed Emilia-Romagna. Nella parte finale è considerato il dibattito, molto acceso nel clima liberista degli anni postunitari, sull’utilità o meno dei premi e delle esposizioni quali strumenti per promuovere lo sviluppo dell’agricoltura.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Emulation or profit? The start of agricultural exhibitions in pre-unification Italy
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteArti, tecnologia, progetto. Le esposizioni d'industria in Italia prima dell'Unità
EditorGiorgio Bigatti, SERGIO ONGER
Pagine197-240
Numero di pagine44
Stato di pubblicazionePubblicato - 2007

Keywords

  • Agricoltura
  • Esposizioni
  • Storia

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Emulazione o profitto? L'avvio delle esposizioni agricole nell'Italia preunitaria'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo