“Elogio dell’incompiutezza”: riflessioni sulla dialettica del mestiere di educatore fra ideali e realtà ne Il Canto del cigno (1826) di J.H. Pestalozzi

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Johann Heinrich Pestalozzi è considerato tra i grandi ispiratori della pedagogia europea tra Settecento e Ottocento e maestro dell’educazione popolare. Le sue molte pagine, scritte con ossessivo impegno, ci restituiscono anche il dolore che il pedagogista di Zurigo provava dinanzi al succedersi dei propri insuccessi sul piano pratico. L’articolo, attraverso alcune sollecitazioni tratte dalle opere di Pestalozzi (in particolare Il canto del cigno, considerato il suo testamento spirituale) propone una lettura proprio a partire da questa “contraddizione”, con la convinzione che in essa vi sia una provocazione importante per tutti gli educatori di oggi.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] "In praise of incompleteness": reflections on the dialectic of the profession of educator between ideals and reality in The Swan Song (1826) by J.H. Pestalozzi
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)90-97
Numero di pagine8
RivistaCQIA RIVISTA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • Pestalozzi
  • Riflessione pedagogica

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di '“Elogio dell’incompiutezza”: riflessioni sulla dialettica del mestiere di educatore fra ideali e realtà ne Il Canto del cigno (1826) di J.H. Pestalozzi'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo