Einaudi dopo Sraffa

Luigi Lodovico Pasinetti, Gianpaolo Mariutti

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]Come economisti, Einaudi e Sraffa sembrano situati a due opposti estremi. Tanto il primo ha speso la propria vita nell'amministrare, con spirito pragmatico, la cosa pubblica, quanto il secondo è rimasto rinchiuso nell’economia "pura". In questo articolo ci si è interrogati se esiste una via per la quale individuare, tra i due opposti, una logica di complementarietà. E a questa domanda si è trovata una risposta dalle implicazioni in parte ancora da analizzare, ma potenzialmente interessanti. Einaudi può essere compreso ed apprezzato, dopo Sraffa, se i contenuti di PMmM vengono considerati non solo come «premesse a una critica della teoria economica», ma anche, in positivo, come inizio di una sua "ricostruzione".
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Einaudi after Sraffa
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteAtti dei Convegni Lincei, n.214
Pagine293-310
Numero di pagine18
Stato di pubblicazionePubblicato - 2005
EventoConvegno Internazionale “Einaudi dopo Sraffa” - Roma
Durata: 18 feb 200419 feb 2004

Convegno

ConvegnoConvegno Internazionale “Einaudi dopo Sraffa”
CittàRoma
Periodo18/2/0419/2/04

Keywords

  • Continuità e rottura nel pensiero economico
  • Einaudi
  • Sraffa
  • due economisti a confronto

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Einaudi dopo Sraffa'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo