Editing genetico: nuova questione bioetica?

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Modificazioni controllate nel genoma sono possibili, tramite svariate tecniche, sin dagli anni ’70. Nucleasi a dito di zinco, nucleasi TALE, ma soprattutto CRISPR-Cas9 sono tecniche di editing genetico che hanno reso più semplice effettuarle. Il sistema CRISPR-Cas9, in particolare, si sta dimostrando estremamente vantaggioso in termini di accessibilità, efficienza e versatilità. Gli obiettivi del presente contributo consistono nel: 1. ricostruire i “fatti” salienti che hanno determinato l’emergere del topic dell’“editing genetico”; 2. provare a dar risposta a un primo fondamentale interrogativo circa l’originalità dei dilemmi etici da esso sollevato con particolare riferimento al CRISPR-Cas9. La conclusione è che, allo stato attuale, l’impiego di queste nuove tecniche non solleva questioni etiche nuove. L’unica eccezione sembrerebbe essere data dal particolare tipo di mutazioni indotte da queste tecniche, indistinguibili a lungo termine da quelle prodotte dalla natura, fatto che sta già determinando qualche difficoltà nella classificazione degli OGM ottenuti tramite queste tecniche.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Genetic editing: new bioethical issue?
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)291-304
Numero di pagine14
RivistaMEDICINA E MORALE
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • CRISPR-Cas9
  • editing genetico
  • ingegneria genetica

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Editing genetico: nuova questione bioetica?'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo