"E perché son con Socrate d'avviso, / che 'l rider giovi spesso alle persone": la satira di costume nel Cicerone di Giancarlo Passeroni

Maria Chiara Tarsi

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Accademico Trasformato e amico di Giuseppe Parini, il nizzardo e milanese d’adozione Giancarlo Passeroni (1713-1803) è autore di un lunghissimo poema burlesco, il Cicerone, pubblicato a Milano fra il 1755 e il 1774, che in oltre 100 canti narra la vita del celebre oratore romano. Si tratta in realtà di un pretesto, perché l’opera risulta costituita da una serie di digressioni e divagazioni che hanno come argomento la natura degli uomini e la vita contemporanea, osservata e giudicata con un’ironia bonaria e sorridente, a tratti più arguta e pungente; non esente da guizzi di comicità, il poema è nel complesso caratterizzato da un accentuato moralismo di fondo, che ne fa una sorta di «‘campionario’ dei vizi correnti» (Fido). I giudizi critici sul Cicerone sono stati spesso severi, soprattutto a causa della sua prolissità e dello stile, che in molte parti risulta piuttosto monotono; ma, al di là degli esiti estetici, che pure non mancano di vivacità rappresentativa, il poema si rivela assai interessante in quanto prodotto esemplare dell’ambiente culturale milanese della seconda metà del Settecento. L’intervento si propone di avviare una prima analisi dell’opera, mettendo a fuoco alcuni motivi della satira di costume che l’autore vi conduce, anche nell’intento di contribuire ad un’auspicabile riconsiderazione della produzione passeroniana.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] "And because I am with Socrates of notice, / that the rider often benefits people": the satire of morality in the Cicero by Giancarlo Passeroni
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLe forme del comico
EditorI. Gambacorti, I. Macera, G. Tellini F. Castellano
Pagine1-10
Numero di pagine10
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • poesia satirica

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di '"E perché son con Socrate d'avviso, / che 'l rider giovi spesso alle persone": la satira di costume nel Cicerone di Giancarlo Passeroni'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo