Due dimensioni e mezza. Elementi metalinguistici nei giochi "paper"

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]L'articolo prende le mosse dall'analisi di due prodotti recenti, Super Paper Mario e Paper Wars: Cannon Fodder, per ricostruire una possibile storia della presa di coscienza del videogame come medium, in un confronto con la storia, assai più lunga, dei medium artistici tradizionali. I due giochi hanno in comune l'utilizzo ironico, metalinguistico di immagini bidimensionali all'interno di un impianto spaziale tridimensionale, una sorta di inserto di elementi formali del passato in una tecnologia e in un gaming attuali. Il videogame si confronta dunque con la propria storia, mettendola in scena come molta pittura postmoderna ha fatto con la propria. Un grado di consapevolezza che, del resto, ha sempre guidato questo medium complesso, essendo la sua vicenda modellata, con un'accelerazione dei tempi tipica dello sviluppo tecnologico, proprio su quella della pittura, con la quale instaura un dialogo talvolta serio, talvolta ironico, ma sempre guidato da un medesimo clima culturale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Two and a half sizes. Metalinguistic elements in paper games
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)231-240
Numero di pagine10
RivistaCOMUNICAZIONI SOCIALI
VolumeXXXV
Stato di pubblicazionePubblicato - 2013

Keywords

  • paper
  • videogame

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Due dimensioni e mezza. Elementi metalinguistici nei giochi "paper"'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo