Dopo le decisioni delle Sezioni Unite: le "reali" divergenze tra esistenzialisti ed antiesistenzialisti

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]L'A. analizza le posizioni della dottrina e della giurisprudenza successive al deposito delle quattro decisioni dell'11 novembre 2008 che hanno escluso il risarcimento del danno esistenziale come categoria autonoma di danno non patrimoniale. L'A. nota come, nonostante le Sezioni Unite abbiano confermato la loro fedeltà al principio di integrale riparazione del danno e che quindi devono essere riparate anche le conseguenze esistenziali sempre che siano conseguenza della lesione di un diritto inviolabile, il pensiero esistenzialista non si sia proprio allontanato dalle posizioni espresse sino al 2008, proponendo una lettura del danno non patrimoniale non coerente con le generali funzioni dell'illecito civile.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] After the decisions of the United Sections: the "real" differences between existentialists and anti-existentialists
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)2419-2423
Numero di pagine5
RivistaRESPONSABILITÀ CIVILE E PREVIDENZA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2009

Keywords

  • responsabilità civile

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Dopo le decisioni delle Sezioni Unite: le "reali" divergenze tra esistenzialisti ed antiesistenzialisti'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo