Donne che odiano le donne? La violenza ostetrica nel diritto (penale) e nella letteratura

Marina Di Lello Finuoli*

*Autore corrispondente per questo lavoro

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Il saggio ha a oggetto il fenomeno della violenza ostetrica. L'Autrice ne spiega le origini, tenendo conto della storica estromissione delle donne dalle specializzazioni mediche e del successivo monopolio dei professionisti di sesso maschile (anche) sulle prestazioni legate alla gravidanza e al parto. Il saggio si concentra dunque sulla letteratura riguardante le ostetriche; in particolare, sulla trilogia di Jennifer Worth che, nei suoi libri, mette in luce le doti di solidarietà e altruismo delle donne nei confronti delle pazienti in gravidanza.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Women who hate women? Obstetric violence in (criminal) law and literature
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIl corpo dell'altro. La parola e la violenza
EditorG. Donati, G Forti, C Mazzucato, A Visconti
Pagine117-123
Numero di pagine7
Stato di pubblicazionePubblicato - 2024

Keywords

  • Violenza ostetrica
  • Solidarietà
  • Violence against women
  • Obstetric violence
  • Solidarity
  • Violenza contro le donne

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Donne che odiano le donne? La violenza ostetrica nel diritto (penale) e nella letteratura'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo