Direttiva sul whistleblowing e ordinamento italiano: qualche riflessione in vista dell'attuazione

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il 23 ottobre 2019 Parlamento europeo e Consiglio hanno adottato la direttiva (UE) 2019/1937, prima disciplina organica in materia di whistleblowing elaborata a livello sovranazionale, che gli Stati membri sono chiamati a recepire entro il 17 dicembre 2021. Il presente contributo si propone di mettere in luce l’impatto della direttiva sul quadro normativo nazionale, attualmente definito dalla legge n. 179/2017, e le opportunità da cogliere in sede di attuazione. Attraverso un confronto tra le due discipline viene evidenziata la diversa concezione dell’istituto e le implicazioni che ne discendono per il legislatore nazionale, chiamato ad operare un profondo cambiamento di prospettiva. Per quanto riguarda il versante interno, l’analisi si concentra sulle disposizioni che riguardano la pubblica amministrazione.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Whistleblowing Directive and Italian legal system: some reflections in view of implementation
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)113-128
Numero di pagine16
RivistaJUS
Volume2020
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Direttiva sul whistleblowing
  • Wistleblowing directive
  • controllo democratico
  • corruption
  • corruzione
  • democratic accountability
  • diritti umani
  • freedom of expression
  • human rights
  • libertà d'espressione
  • transparency
  • trasparenza

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Direttiva sul whistleblowing e ordinamento italiano: qualche riflessione in vista dell'attuazione'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo