Destino dei beni costituiti in fondo patrimoniale in caso di fallimento del suo titolare

Francesco Galluzzo

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]L’autore svolge una lettura critica del provvedimento in epigrafe, che, oltre a confermare, per le controversie sorte prima dell’entrata in vigore della recente riforma della legge fallimentare, l’indirizzo della Suprema Corte precedentemente consolidatosi in argomento - nel senso della non attrazione dei beni costituiti in fon- do patrimoniale all’attivo fallimentare e della carenza, in capo al curatore fallimentare, di legittimazione processuale alla loro liquidazione - afferma l’estensibilità dell’evocato principio anche alle procedure fallimentari apertesi dopo l’entrata in vigore del d. lgs. 9 gennaio 2006.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Destiny of the assets set up as a patrimonial fund in case of bankruptcy of its owner
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)97-107
Numero di pagine11
RivistaIL CORRIERE GIURIDICO
Volume2011
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011

Keywords

  • fallimento
  • fondo patrimoniale

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Destino dei beni costituiti in fondo patrimoniale in caso di fallimento del suo titolare'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo