Deep and changeable negative T waves in a master athlete. The role of training

Vincenzo Palmieri, Massimiliano Bianco, Salvatore Francesco Gervasi, Paolo Zeppilli

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]L’articolo descrive il caso di un ciclista master (45 anni) di alto livello, asintomatico e con familiarità negativa per cardiomiopatie, il cui elettrocardiogramma presentava marcate alterazioni della ripolarizzazione ventricolare, specificamente onde T negative da V1 a V6, con ecocardiogramma e risonanza magnetica prive di alterazioni tali da giustificarle. Le onde T si “normalizzavano” pressoché completamente dopo un periodo di disallenamento, divenendo di nuovo negative dopo che l’atleta aveva ricominciato ad allenarsi intensamente. Pur non potendosi escludere con certezza una forma di cardiomiopatia in fase iniziale, il quadro è stato giudicato compatibile con l’attività sportiva agonistica, anche in relazione all’assenza di aritmie significative e alla presenza di una performance cardiaca eccellente.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Deep and changeable negative T waves in a master athlete. The role of training
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)447-453
Numero di pagine7
RivistaMedicina dello Sport
Stato di pubblicazionePubblicato - 2016

Keywords

  • Cardiomegaly, exercise‑induced
  • Cardiomiopatia ipertrofica
  • Cardiomyopathy, hypertrophic
  • Cuore d’atleta
  • Electrocardiography
  • Elettrocardiogramma

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Deep and changeable negative T waves in a master athlete. The role of training'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo