De l'infinito, universo e mondi. Manuale di esobiologia

Martina Vodola (Editor)

Risultato della ricerca: LibroOther report

Abstract

[Ita:]Negli anni settanta Sebastiano Vassalli è immerso, prima di approdare al genere del romanzo storico, in una fervida ricerca condotta sul terreno delle avanguardie e della sperimentazione artistica. Il Manuale di esobiologia, scrive lo stesso Vassalli in una lettera all’einaudiano Guido Davico Bonino, è un’«operazione alchemica, alla ricerca di una letteratura d’avanguardia che possa essere popolare», una tappa fondamentale del percorso dell’autore che in quegli anni è in cerca della sua idea di romanzo. L’opera, pubblicata postuma grazie a una copia dattiloscritta conservata presso il Centro Novarese di Studi Letterari, è un trattato fantascientifico e pseudofilosofico corredato di un catalogo delle specie aliene che popolano le opere italiane di fantascienza dell’epoca, organizzate – a differenza di qualsiasi altro Bestiario – secondo una tassonomia scevra di qualunque allegoria e che segue un modello aderente a quello empirico e delle scienze naturali. Con una punta di ironia che percorre il Manuale, Vassalli lascia intravedere lo spirito dello scrittore collezionista alla ricerca di documenti e storie che da lì a vent’anni avrebbe raccontato la strega di Zardino nella Chimera.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] De the infinite, universe and worlds. Handbook of exobiology
Lingua originaleItalian
EditoreHacca
Numero di pagine332
ISBN (stampa)9788898983353
Stato di pubblicazionePubblicato - 2018

Keywords

  • Avant-garde
  • Gruppo 63
  • Italian studies
  • Modernist literature
  • New Vanguard

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'De l'infinito, universo e mondi. Manuale di esobiologia'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo