"Dall'abito eterico scaturisce la prima forza giovanile". Dei modi del morire nel "Faust" di Goethe

Maria Franca Frola

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Nella prima parte del Faust la morte coglie gli esseri umani in diverse età della vita. Nell’infanzia, nella giovinezza, nella maturità; non tocca la vecchiaia. Faust, il vero vecchio, anzi, ringiovanisce con la pozione della strega. Nel Faust I la morte è tragica conclusione della vita, è un evento sempre traumatico, precoce, frutto spesso di un omicidio, anche quando esso si ammanta della veste della giustizia. Ben diverso è il modo di raffigurare il morire nella seconda parte del Faust. Benché la parola Tod, morte, si ripresenti, il suo significato si amplia, si estende, si dilata, e, più che porre interrogativi, inizia a descrivere regioni poco investigabili e investigate dell’essere. A lasciare la terra, ma si preferirebbe dire, a lasciare la scena, sono nell’ordine: Homunculus, Euphorion, Helena, Philemon e Bauci ed infine Faust stesso. Cinque diversi modi del congedarsi, per comprendere i quali è necessario riconoscere a quali piani dell’esistere appartengano coloro che, abbandonandoci, se ne vanno.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] "The first youthful strength comes from the etheric habit." Of the ways of dying in Goethe's "Faust"
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)935-959
Numero di pagine25
RivistaHUMANITAS
Stato di pubblicazionePubblicato - 2008

Keywords

  • Faust
  • Goethe

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di '"Dall'abito eterico scaturisce la prima forza giovanile". Dei modi del morire nel "Faust" di Goethe'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo