Dalla legislazione estense al sistema attuale il risultato non cambia: il diritto del concessionario di agro marmifero di Massa e Carrara è inusucapibile

Andrea Renda, 27264, DI ECONOMIA E GIURISPRUDENZA FACOLTA', PIACENZA - Dipartimento di Scienze giuridiche

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]La nota commenta la sentenza del Tribunale di Massa, 15 aprile 2003, secondo la quale sugli agri marmiferi di Massa e Carrara - che soggiacciono ad un regime concessorio pubblicistico risultante dalla legislazione estense del 1846 tuttora in vigore e dalla legge regione Toscana n. 104/1995, alla stregua del quale essi appartengono al patrimonio indisponibile dei rispettivi Comuni e sono concessi per lo sfruttamento ai privati, che acquistano a titolo oneroso un diritto reale parziario di escavazione della cava - è impossibile l'acquisto per usucapione del diritto del concessionario, poiché l'usucapibilità vanificherebbe la finalità di concessione del bene pubblico sulla base della rigorosa valutazione delle qualità specifiche e degli obblighi assunti dall'aspirante concessionario, che connota la disciplina vigente, e sortirebbe pertanto l'esito di sottrarre il bene alla destinazione sua propria, in contrasto con il disposto dell'art. 828, II comma, cod. civ.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] From the Estense legislation to the current system, the result does not change: the right of the Massa and Carrara agro marmiferous concession holder is inexhaustible.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)311-318
Numero di pagine8
RivistaIL FORO TOSCANO
VolumeV
Stato di pubblicazionePubblicato - 2003

Keywords

  • cave di marmo

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Dalla legislazione estense al sistema attuale il risultato non cambia: il diritto del concessionario di agro marmifero di Massa e Carrara è inusucapibile'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo