Dai vertici della mistica alla più umana femminilità: Ildegarda di Bingen

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]La cultura occidentale ha reso per molti secoli alle donne difficile, se non addirittura impossibile, imporsi nel panorama intellettuale del proprio tempo, dominato da cori di sole voci maschili. Il femminile ha dovuto spesso accontentarsi di abitare spazi segreti, separati. Uno di questi nel Medioevo è stato senz’altro il claustrum, dalle mura del quale poteva trapelare una voce, uno sguardo all’esterno. È il caso dello sguardo di Ildegarda di Bingen, il cui genio femminile supera gli ostacoli legati a un sistema, sociale e politico, condizionato da pesanti retaggi misogini di matrice greco-romana e giudaica. Uno sguardo che non è solo dono della visio, che la rese una mistica e una profetessa, ma anche come straordinaria capacità di leggere il mondo attraverso una sensibilità particolarissima, genuinamente femminile.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] From the heights of mysticism to the most human femininity: Hildegard of Bingen
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)25-36
Numero di pagine12
RivistaORA ET LABORA
VolumeLCCVI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2021

Keywords

  • Ildegard of Bingen
  • Ildegarda di Bingen
  • Misticism
  • mistica

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Dai vertici della mistica alla più umana femminilità: Ildegarda di Bingen'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo