Da signoria fondiaria a "terra separata": Vespolate tra papato, episcopato novarese e i Visconti di Milano (XIII-XIV secolo)

Elisabetta Filippini, DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTA'

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Attraverso lo studio dei documenti d'Archivio inediti del Fondo Trivulzio dell'ASMi è stato possibile reperire una vasta panoramica di notizie relative alla curtis incastellata di Vespolate. Le pergamene permettono di tracciare una complessa storia evolutiva del centro abitato, che da castello di proprietà della Curia episcopale, capace di organizzare una signoria fondiaria, passò sotto il controllo dei Visconti e poi del ducato di Milano, con Giangaleazzo, che ne investì con cerimonia feudale Antonio Porro, a cui furono attribuiti poteri di giustizia separati da quelli del podestà del Comune di Novara.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] From lordship to "separate land": Vespolate between papacy, Novara episcopate and the Visconti of Milan (XIII-XIV century)
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)193-216
Numero di pagine24
RivistaNOVARIEN
Volume50
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • Ducato Milano
  • Novara
  • Signoria fondiaria
  • Signoria territoriale
  • Terre separate
  • Vescovi
  • Vespolate
  • Visconti

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Da signoria fondiaria a "terra separata": Vespolate tra papato, episcopato novarese e i Visconti di Milano (XIII-XIV secolo)'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo