CONVERSAZIONE CON LA GRAFICA: VITTORINI, STEINER E IL SOCIAL STORYTELLING DI «POLITECNICO»

Lucia Geremia

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]L’integrazione tra scrittura e fotografia è una delle peculiarità del «Politecnico» di Elio Vittorini (1945-1947), anche grazie alla collaborazione con il grafico Albe Steiner. Tra i documenti del carteggio tra i due (custodito presso lo studio Origoni-Steiner) è conservato un sommario della rivista, databile all’agosto 1945, dal quale emerge il progetto di una lingua universale fatta di immagini. Il sommario anticipa il modus operandi che emerge dalla lettera del 14 dicembre 1945, nella quale lo scrittore chiede al grafico alcune foto per la rubrica “Le città del mondo”. La rivista si configura come una sorta di “conversazione in pubblico”, dove la fotografia diviene narrazione autonoma grazie al valore aggiunto della parola. Non è poi così distante da ciò che accade oggi con la Digital Social Innovation, in particolare attraverso il social storytelling: una memoria in fieri, per lasciare traccia di sé, raccontare e raccontarsi.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] CONVERSATION WITH GRAPHICS: VITTORINI, STEINER AND THE SOCIAL STORYTELLING OF «POLITECNICO»
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLa modernità letteraria e le declinazioni del visivo. Arti, cinema, fotografia e nuove tecnologie
EditorR Gasperina Geroni, F Milani
Pagine193-199
Numero di pagine7
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Elio Vittorini, Albe Steiner, Il Politecnico

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'CONVERSAZIONE CON LA GRAFICA: VITTORINI, STEINER E IL SOCIAL STORYTELLING DI «POLITECNICO»'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo