Conscius ore rubor. Aconzio e Cidippe da Callimaco a Ovidio (attraverso Catullo)

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Esaminando il rapporto emulativo di Ov. epist. 20-21, elegie relative alla vicenda di Aconzio e Cidippe, con Catull. 65, 15-24, si ipotizza che il testo catulliano sia tramite per la rilettura del modello callimacheo contenuto nel terzo libro degli Aitia, sulla base di relazioni strutturali e, in particolare, di artifici linguistici, quali l'uso dell'aggettivo «conscius», la ripresa ovidiana della clausola del pentametro catulliano («ore rubor») e gli effetti fonici creati.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Conscius ore rubor. Aconzio and Cidippe from Callimaco to Ovidio (through Catullo)
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteAmicitiae templa serena. Studi in onore di Giuseppe Aricò
Pagine1371-1385
Numero di pagine15
Volume2
Stato di pubblicazionePubblicato - 2008

Keywords

  • Callimachus
  • Roman poetry
  • intertextuality

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Conscius ore rubor. Aconzio e Cidippe da Callimaco a Ovidio (attraverso Catullo)'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo