Confronto tra la tecnica colturale standard e la PCR real-time quantitativa per la identificazione di Legionella pneumophila in campioni di acqua di circuito ospedaliero

Stefania Boccia, Patrizia Laurenti, Stefania Bruno, Gianfranco Damiani, Umberto Moscato, Brunella Posteraro, Gianluigi Quaranta, Gualtiero Ricciardi, Emanuele Leoncini, Paolo Di Giannantonio, Sara Vincenti, Federica Boninti, Dario Arzani, Romina Sezzatini, Maria Giovanna Ficarra, Rosarita Amore, Alessia Vecchioni

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]INTRODUZIONE: Legionella è un batterio ubiquitario negli ambienti acquosi. In Europa, circa il 90% delle infezioni causate da questo batterio sono dovute a L. pneumophila con sierogruppo di tipo 1. Il metodo standard utilizzato per la sorveglianza ambientale è la tecnica colturale, sebbene il metodo basato sulla PCR Real-time PCR rappresenti un’attraente alternativa. L’obiettivo di questo studio è l’identificazione del valore soglia, calcolato con la PCR Real-time, che rifletta la maggior concordanza con i valori della tecnica convenzionale microbiologica. MATERIALI E METODI: Dal 2011 al 2013, 77 campioni di acqua sono stati raccolti in bottiglie sterili, contenenti sodio tiosolfato allo 0.01% per neutralizzare i residui di Cloro, e trasportati a temperatura controllata ai laboratori per le successive analisi. Il DNA di L. pneumophila è stato estratto e poi quantificato mediante PCR Real-time utilizzando il kit iQ-Check Screen L. pneumophila (Biorad). RISULTATI: Venti campioni (26%) su 77 analizzati sono risultati positivi alla metodica standard colturale. Le concentrazioni di L. pneumophila, determinate tramite PCR come GU/l, sono risultate maggiori di quelle espresse in CFU/l in 56 campioni (73%), minori in 1 solo campione (1%), ed uguali in 20 campioni (26%). E’ stata riportata una significativa correlazione tra le metodiche (ρ=0.52). CONCLUSIONI: L’elevata sensibilità e il valore predittivo negativo rilevati, rendono la PCR Real-time un metodo di screening ideale per identificare e quantificare L. pneumophila in campioni ambientali di acqua. Se confrontata con i metodi colturali ha il vantaggio di fornire i risultati in meno di 3 ore dopo i passaggi di filtrazione dell’acqua ed estrazione del DNA. La PCR Real-time rappresenta quindi un’interessante tecnica complementare al metodo colturale standard.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Comparison between standard cultivation technique and quantitative real-time PCR for the identification of Legionella pneumophila in hospital circuit water samples
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteATTI del 47° Congresso Nazionale SItI - Comunicazioni brevi
Pagine276
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014
Evento47° Congresso Nazionale SItI - Riccione
Durata: 1 ott 20144 ott 2014

Convegno

Convegno47° Congresso Nazionale SItI
CittàRiccione
Periodo1/10/144/10/14

Keywords

  • PCR real time
  • legionella pneumophila

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Confronto tra la tecnica colturale standard e la PCR real-time quantitativa per la identificazione di Legionella pneumophila in campioni di acqua di circuito ospedaliero'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo