Complessità semantica, carico cognitivo e autocoscienza: uno studio ERP

Michela Balconi, Pier Luigi Baldi, Giovanni Lecci

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]Come noto, mediante il paradigma dell’ending-word è stata determinata l’esistenza di una componente negativa relativa ai potenziali evento-relati (ERPs), la cosiddetta N400, con una latenza di circa 400 ms in risposta a parole semanticamente incongruenti con il contesto, anche se fonologicamente od ortograficamente corrette. Ciò ha fatto ipotizzare che il nostro cervello sia in grado di estrarre le proprietà semantico-lessicali tra i 300-400 ms di latenza post-stimolo. Nel presente contributo abbiamo impiegato la componente N400 come indice indiretto della complessità cognitiva (indotta da un calcolo matematico o da una rappresentazione geometrica), dove condizioni di crescente complessità implicavano un maggiore carico di risorse cognitive e la necessità di un coinvolgimento più evidente di processi consapevoli. È stata predisposta una condizione di elaborazione sintattico-grammaticale (enunciati con predicato verbale o nominale). Ai partecipanti veniva richiesto di valutare esplicitamente la correttezza semantica di frasi affermative presentate a video, modulate in funzione del grado di complessità cognitiva. Gli stimoli (52, 26 semplici, di immediata codifica; 26 complessi che inducono un calcolo matematico o una rappresentazione geometrica) randomizzati, erano disposti in due batterie. Durante l’esecuzione del task è stata registrata l’attività EEG e i tempi di reazione. Infine è stato somministrato l’SPM di Raven per valutare il profilo intellettivo. La modulazione della complessità, mediata da affermazioni semplici e affermazioni complesse, ha messo in evidenza una componente ERP compatibile con la N400, la cui ampiezza è da ritenersi plausibilmente legata al fattore complessità. È stata inoltre rilevata anche la maggiore latenza dei TR per la condizione complessa. La risposta ERP ottenuta pare evidenziare un ruolo prioritario dell’autoconsapevolezza in risposta a stimoli semantici complessi, nonché un carico cognitivo maggiore (aumento dei TR).
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Semantic complexity, cognitive load and self-awareness: an ERP study
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteAtti del «XXI Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sperimentale AIP»
Pagine38
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015
EventoXXI Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sperimentale AIP - Rovereto
Durata: 10 set 201512 set 2015

Convegno

ConvegnoXXI Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sperimentale AIP
CittàRovereto
Periodo10/9/1512/9/15

Keywords

  • Complessità semantica
  • ERPs

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Complessità semantica, carico cognitivo e autocoscienza: uno studio ERP'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo