«Como fedelissimo servitor…»: musici e intrattenitori alla corte di Mantova tra XV e XVI secolo

Licia Mari

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

The essay analyzes some courtiers at the court of the Gonzagas: musicians, poets and entertainers with improvisational skills. They were esteemed and trusted individuals, who allowed the marquis to build ties with other Signori and made the court as a whole more refined and elegant. Among them, the Filippo Lapacino, from Florence, and a figure simply called Poeta, who we can now identify, thanks to some documentary research, as Giovan Francesco Picenardi (a figure akin to Serafino Aquilano).
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] «Como loyal servitor…»: musicians and entertainers at the court of Mantua between the 15th and 16th centuries
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteMaestranze, artisti, apparitori sulla scena dei Gonzaga (1480-1630)
Pagine65-78
Numero di pagine14
Volume6
Stato di pubblicazionePubblicato - 2016
EventoMaestranze, artisti, apparitori sulla scena dei Gonzaga (1480-1630) - MANTOVA -- ITA
Durata: 26 feb 201528 feb 2015

Serie di pubblicazioni

NomeVISIONI TEATRALI

Convegno

ConvegnoMaestranze, artisti, apparitori sulla scena dei Gonzaga (1480-1630)
CittàMANTOVA -- ITA
Periodo26/2/1528/2/15

Keywords

  • Gonzaga Patronage
  • entertainers
  • musicians
  • poets

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di '«Como fedelissimo servitor…»: musici e intrattenitori alla corte di Mantova tra XV e XVI secolo'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo