Comici, Febiarmonici e gesuiti a Milano: intrecci e contaminazioni. Problemi della circolazione delle opere di Francesco Cavalli

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Il saggio studia, sulla base di documenti inediti, i primi spettacoli operistici rappresentati a Milano intorno alla metà del XVII secolo e analizza le forme di circolazione delle troupes di cantanti, modellate sull'esperienza delle compagnie di comici dell'arte. Milano si conferma piazza teatrale con un profilo misto fra la gestione impresariale e l'opera di tipo cortigiano. Si analizzano le opere proposte da Benedetto Ferrari nella seconda metà degli anni Quaranta e la circolazione delle opere di Francesco Cavalli che furono in particolare proposte da troupes operistiche come i Febiarmonici. Il saggio propone in appendice la trascrizione delle annotazioni manoscritte rinvenute su una copia del libretto de L'Orione, conservata presso la biblioteca privata Sormani Andreani Verri.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Comedians, Febiarmonici and Jesuits in Milan: plots and contaminations. Problems with the circulation of Francesco Cavalli's works
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)5-39
Numero di pagine35
RivistaMUSICA E STORIA
VolumeXVI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2008

Keywords

  • Commedia dell'Arte
  • Teatro d'opera
  • commedia dell'arte
  • opera
  • teatro
  • theatre

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Comici, Febiarmonici e gesuiti a Milano: intrecci e contaminazioni. Problemi della circolazione delle opere di Francesco Cavalli'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo