Collezioni e collezionisti di affreschi staccati in Romagna ed in Emilia fra Settecento e Ottocento

Luca Ciancabilla

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Fin dal Settecento, poco dopo la speriemntazione della prassi dello strappo degli affreschi, diversi amatori d'arte iniziarono a collezionare questo tipo di manufatti secondo modi decisamente differenti e in diverse città emiliano romagnole, fra questi l'architetto Cosimo Morelli, già primo committente di Giacomo Succi.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Collections and collectors of frescoes detached in Romagna and Emilia between the eighteenth and nineteenth centuries
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteCollezionismo d’arte in Romagna in Età Moderna
EditorBarbara Ghelfi, Oriana Orsi
Pagine265-275
Numero di pagine11
Stato di pubblicazionePubblicato - 2018

Keywords

  • Affreschi staccati
  • Collezionismo

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Collezioni e collezionisti di affreschi staccati in Romagna ed in Emilia fra Settecento e Ottocento'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo