Clausole limitative della destinazione delle proprietà esclusive: criteri interpretativi

Renzo Rossi

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]La ricorrenza di clausole limitative della destinazione delle proprietà esclusive nel regolamento (contrattuale) di condominio non è infrequente. In alcune pronunce giurisprudenziali è stato messo in luce un onere di precisione che il redattore del regolamento condominiale deve rispettare: per evitare ogni equivoco in una materia atta a incidere sulla proprietà dei singoli condòmini, i divieti ed i limiti devono risultare da espressioni chiare. Al giudice del resto sembra essere preclusa un’interpretazione estensiva, che dovrà essere condotta ricorrendo ai canoni ermeneutici previsti nella disciplina del contratto (artt. 1362 ss c.c.) con particolare attenzione all’univocità delle espressioni letterali, pur nel coordinamento delle clausole dell’intero regolamento a norma dell’art. 1363 c.c.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Clauses limiting the destination of exclusive properties: interpretative criteria
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)153-156
Numero di pagine4
RivistaARCHIVIO DELLE LOCAZIONI E DEL CONDOMINIO
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • clausole limitative della proprietà esclusiva
  • condominio
  • interpretazione
  • regolamento di condominio

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Clausole limitative della destinazione delle proprietà esclusive: criteri interpretativi'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo