Chierici, santi e farabutti. Giampiero Neri e il ruolo degli intellettuali

Davide Savio*

*Autore corrispondente per questo lavoro

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]L'articolo si propone di indagare il ruolo che secondo Giampiero Neri dovrebbe essere svolto dagli intellettuali, specialmente durante i periodi di conflitto, e in generale nel contesto culturale di appartenenza. Secondo l'autore, che ha vissuto la guerra civile in Italia (1943-1945) dalla parte degli sconfitti, il vero intellettuale non deve falsificare la realtà né sposare acriticamente la causa di una fazione, ma mirare alla comprensione del tutto, nel segno del Vangelo e dei classici del pensiero orientale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Clerics, saints and scoundrels. Giampiero Neri and the role of intellectuals
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteUna macchina per pensare. Giampiero Neri prima e dopo "Teatro naturale"
EditorDavide Savio
Pagine59-73
Numero di pagine15
Stato di pubblicazionePubblicato - 2018

Keywords

  • 20th Century
  • Civil poetry
  • Commitment
  • Giampiero Neri
  • History
  • Impegno
  • Literary modernity
  • Modernità letteraria
  • Novecento
  • Poesia
  • Poesia civile
  • Poetry
  • Second World War
  • Seconda guerra mondiale
  • Storia

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Chierici, santi e farabutti. Giampiero Neri e il ruolo degli intellettuali'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo