Cartografare la Terra Santa tra tardoantico e medioevo

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Il contributo considera le modalità di rappresentazione della Terra Santa tra tardoantico e medioevo e le diverse funzionalità delle testimonianze conservate. L’analisi spazia dal mosaico pavimentale conservato a Madaba, esempio pressocché unico di cartografia bizantina, alle mappae mundi medievali e alle rappresentazioni topografiche di Matteo Paris (†1259) e Pietro Vesconte (†1330 ca.).
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Map the Holy Land between late antiquity and the Middle Ages
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteTerra Promissionis. Mappe e vedute di Gerusalemme e della Palestina classica. Una mostra (Milano, Università Cattolica, 4-7giugno 2019)
EditorG. Russotto, M. Stanco V. Ghetti
Pagine7-13
Numero di pagine7
Volume27
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Serie di pubblicazioni

NomeMINIMA BIBLIOGRAPHICA

Keywords

  • Holy Land Maps
  • Terra Santa Mappe

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Cartografare la Terra Santa tra tardoantico e medioevo'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo