Cappelle curtensi e chiese pievane: considerazioni sul rapporto tra tipologie archeologico-architettoniche e funzioni

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]La chiesa è nell’alto medioevo un elemento catalizzatore: espressione di relazioni complesse che vanno dai significati liturgico-spirituali di cui era portatrice, alle necessità pratiche dei suoi fruitori; dal suo rapporto con l’insediamento entro il quale risulta inserita, alle esigenze di manifestazione di intenti e di autocelebrazione dei fondatori e delle comunità che vi facevano capo; la chiesa è anche un ente proprietario di beni e percettore di redditi: una componente essenziale del sistema economico dell’epoca. Studiosi delle fonti scritte e di quelle archeologiche indagano il fenomeno da punti di vista diversi, non solo per le specifiche metodologie di approccio, ma anche perché la natura stessa delle testimonianze che utilizzano è differente. Il contributo, partendo da alcuni esempi, valuta come i dati materiali prodotti dagli scavi archeologici non siano sempre in grado di chiarire funzione e ruolo istituzionale dell’edificio di culto.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Curtense chapels and parish churches: considerations on the relationship between archaeological-architectural typologies and functions
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteDalla curtis alla pieve tra archeologia e storia
EditorSilvia Lusuardi Siena
Pagine161-180
Numero di pagine20
Stato di pubblicazionePubblicato - 2009

Keywords

  • Chiese
  • Italia
  • archeoogia

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Cappelle curtensi e chiese pievane: considerazioni sul rapporto tra tipologie archeologico-architettoniche e funzioni'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo