Capitale sociale e associazionismo: la centralità delle relazioni

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Dall’analisi degli studi di caso, la costruzione e il mantenimento di una rete di relazioni esterna all’azienda sono emersi come fattori cruciali, soprattutto per aziende artigiane che basano la propria competitività su relazioni fiduciare con fornitori e clienti. Allo stesso tempo, si tratta di uno degli aspetti in cui sono più evidenti le differenze tra la gestione femminile e maschile dell’impresa. Le donne hanno reti esterne di supporto piccole, poco dense e prevalentemente formate da uomini. D’altro canto, hanno a disposizione un importante capitale relazionale, creato attraverso la partecipazione ad attività ludiche, espressive o di volontariato, che solo raramente riescono ad “appropriare” per la propria attività professionale. Emerge dunque la necessità di organizzazioni intenzionalmente dedicate alla costruzione di reti di relazione. Le iniziative attivate da associazioni di rappresentanza e istituzioni (come la Camera di Commercio) sono particolarmente apprezzate dalle intervistate, ma è evidente la necessità di ulteriori interventi in questa direzione.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Social capital and associations: the centrality of relationships
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteE' lei il titolare? Donne e uomini nelle imprese artigiane
EditorIVANA PAIS, MICHELA BOLIS, Cecilia Manzo, Riccardo De Vita, Arianna Fontana
Pagine75-88
Numero di pagine14
Stato di pubblicazionePubblicato - 2012

Keywords

  • capitale sociale
  • imprese artigiane

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Capitale sociale e associazionismo: la centralità delle relazioni'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo