Abstract

[Ita:]Cosa facciamo oggi con le immagini? E soprattutto, che cosa le immagini fanno con noi e di noi? Questo libro cerca una risposta mediante l’analisi di cinque dispositivi (più uno): gli smart glasses, le camere a cam-po di luce, i visori notturni, la realtà aumentata, le reti neurali e la fotomicrografia elettronico-digitale. Le immagini computazionali, chiamate in queste pagine algoritmi, nascono dalla connessione di risorse apparte-nenti alla economia politica della luce e del visuale con quelle proprie dell’economia della informazione e dei dati. Esse sono, insieme, oggetti e strumenti della produzione, estrazione e distribuzione delle ri-sorse comuni: “capitale algoritmico” diviene dunque il nome il più appropriato per definire i tratti costitutivi della società post-mediale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Algorithmic capital. Five post-media devices (plus one)
Lingua originaleItalian
EditoreScholé - Morcelliana
Numero di pagine329
ISBN (stampa)9788828400769
Stato di pubblicazionePubblicato - 2021

Keywords

  • dispositives
  • dispositivi
  • media semiotics
  • semiotica dei media

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Capitale algoritmico. Cinque dispositivi postmediali (più uno)'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo