Blended Learning: Uno strumento utile nel monitoraggio delle abilità linguistiche?

Sonia Rachele Piotti, Patrizia Villani, 27260, DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE FACOLTA', MILANO - Dipartimento di Scienze linguistiche e letterature straniere

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]In quale modo il Blended Learning può permettere un sistema di valutazione diverso rispetto ad un corso tradizionale? In che misura può favorire il monitoraggio continuo dell’apprendimento e una valutazione “personalizzata”? Il presente contributo vuole fare emergere alcune riflessioni di natura qualitativa sull’utilizzo di approcci di Blended-Learning per il monitoraggio del percorso formativo di preparazione alla prova d’esame di Lingua Inglese Livello B1 erogata dal Servizio Linguistico di Ateneo (SeLd’A) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Blended Learning: A useful tool in monitoring language skills?
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteXVII SEMINARIO AICLU. La certificazione e il riconoscimento delle competenze linguistiche dello studente universitario
Pagine135-146
Numero di pagine12
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014
EventoXVII SEMINARIO AICLU.La certificazione e il riconoscimento delle competenze linguistiche dello studente universitario, - Università Cattolica, Milano
Durata: 11 mag 201212 mag 2012

Seminario

SeminarioXVII SEMINARIO AICLU.La certificazione e il riconoscimento delle competenze linguistiche dello studente universitario,
CittàUniversità Cattolica, Milano
Periodo11/5/1212/5/12

Keywords

  • Blended Learning
  • MONITORAGGIO ABILITA' LINGUISTICHE

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Blended Learning: Uno strumento utile nel monitoraggio delle abilità linguistiche?'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo