Binder syndrome: A case report [Sindrome di Binder: Caso clinico]

Sandro Pelo, G. Farronato, C. Folegatti, L. Giannini, G. Galbiati, C. Maspero

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

RiassuntoObiettivi La sindrome di Binder è un raro disordine di eziologa sconosciuta, caratterizzato da ipoplasia del naso e del mascellare superiore e dall'alterazione della morfologia dei tessuti molli associati. Gli autori riportano il caso di una paziente di 10 anni affetta da sindrome di Binder, con naso corto e ipoplasia della spina nasale anteriore. Materiali e Metodi La paziente è stata trattata prima con TSME (Transverse Sagittal Maxillary Expander) per correggere l'ipoplasia del mascellare e successivamente con terapia fissa per ottenere i risultati estetici. Alla fine del trattamento ortodontico è stata effettuata la chirurgia maxillofacciale per correggere l'ipoplasia nasale. Conclusioni Un approccio multidisciplinare, che comprenda anche la terapia ortodontica, è necessario per risolvere le alterazioni presenti nella sindrome di Binder. © 2014 EDRA LSWR SpA.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Binder syndrome: A case report [Binder syndrome: Clinical case]
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)205-214
Numero di pagine10
RivistaDental Cadmos
Volume82
DOI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Keywords

  • article
  • binder syndrome
  • case report
  • child
  • female
  • human
  • hypoplasia
  • maxillofacial surgery
  • nose malformation
  • school child
  • short nose
  • tissue expander
  • transverse sagittal maxillary expander

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Binder syndrome: A case report [Sindrome di Binder: Caso clinico]'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo