Big Data e protezione internazionale dei diritti umani. Regole e conflitti.

Gabriele Della Morte, 27409, DI GIURISPRUDENZA FACOLTA', MILANO - Istituto di Studi internazionali

Risultato della ricerca: LibroBook

Abstract

[Ita:]Le regole che governano il cyberspazio entrano sempre più spesso in rotta di collisione con i principi posti dall’ordinamento internazionale a tutela dei diritti umani. La previsione di simili ‘assi di tensione’ è giustificata dalla considerazione per la quale la logica che innerva l’intera filiera della formazione, della conservazione, del trasferimento e dell’eventuale eliminazione dei diversi contenuti (dati) reperibili in rete è una logica di tipo ‘predittivo’, ispirata, cioè, a un assunto per il quale un problema è calcolabile quando è risolvibile attraverso un algoritmo. Alla luce di tali considerazioni, la questione generale che si pone il presente studio è quella di come conciliare la funzione regolatrice del diritto internazionale – con particolare riferimento ai numerosi sistemi di protezione dei diritti fondamentali, che si estrinsecano spesso in forme di tutela delle minoranze – con la logica che sottende in misura sempre maggiore le politiche fondate sull’accumulo e il conteggio dei data e che esprimono, al contrario, l’indirizzo delle forze prevalenti (specialmente sul mercato). Come conciliare, in altri termini, la funzione predittiva con quella prescrittiva.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Big Data and international protection of human rights. Rules and conflicts.
Lingua originaleItalian
EditoreEditoriale scientifica
Numero di pagine310
ISBN (stampa)9788893913317
Stato di pubblicazionePubblicato - 2018

Keywords

  • big data
  • diritti umani
  • privacy

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Big Data e protezione internazionale dei diritti umani. Regole e conflitti.'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo