Are you ready to play a mission impossible? Social games e ludicizzazione della promozione cinematografica

Mauro Salvador, Giovanni Caruso

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Nell’ultimo decennio, le strategie legate al marketing dell’audiovisivo hanno subito un cambiamento profondo e radicale. Il risultato è stato un allargamento del raggio d’azione di quelle che venivano semplicemente chiamate “campagne promozionali”. Questo nuovo scenario ha portato, in prima istanza, a un superamento della nozione classica di audience, divenuta in molti sensi obsoleta: l’idea di un pubblico fatto di spettatori passivi sprofondati nei propri divani di fronte a uno schermo è stata, salvo qualche resistenza, definitivamente abbandonata. Contemporaneamente, anche il concetto di intrattenimento ha avuto bisogno di una revisione, verso l’idea di un ecosistema complesso in cui la fruizione one-shot viene sostituita da una più profonda, stratificata, multilivello. In questa struttura, storie e universi prima paralleli e sommersi vivono l’uno accanto all’altro, le storie stesse si presentano quindi frammentate, disperse, raccontate attraverso molteplici schermi, diventano pezzi di un puzzle che l’audience ricostruisce e completa.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Are you ready to play a mission impossible? Social games and gaming promotion
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIl cinema della convergenza. Industria, racconto, pubblico
EditorFEDERICO ZECCA
Pagine105-117
Numero di pagine13
Stato di pubblicazionePubblicato - 2012

Keywords

  • gamification
  • ludicizzazione
  • marketing
  • mission: impossible
  • social games

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Are you ready to play a mission impossible? Social games e ludicizzazione della promozione cinematografica'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo