Appunti per una prima lettura del "povero libretto" di Gaspara Stampa

Maria Chiara Tarsi

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]La recente pubblicazione, in territorio americano, dell’edizione Pietrasanta delle Rime di Gaspara Stampa (1554) offre l’opportunità di rileggerle al riparo dalla manipolazione operata da Salza, che sostanzialmente le ridistribuì disegnando un percorso di pentimento. Nel contributo si propone una lettura del ‘canzoniere’ stampiano, a cominciare dalla dedica a Collaltino di Collalto, che ne costituisce non un elemento accessorio ed esterno, puramente occasionale e strumentale, ma una parte integrante, con valore programmatico e definitorio. La raccolta non ha un filo narrativo, né una storia da raccontare: costruita per aggiunta, procede per blocchi, tematici e linguistici, che garantiscono uno sviluppo orizzontale e circolare, e dei quali in queste pagine si offre qualche esempio, avvertendo che il meccanismo presiede alla costruzione dell’intero libro. L’itinerarium tracciato dal modello petrarchesco è dunque stravolto; il «libretto» stampiano, con la sua struttura di tipo ‘paratattico’, partecipa così della dissoluzione del ‘modello canzoniere’ e rientra piuttosto nel ‘libro di rime’, la cui tipologia si afferma già dal quarto decennio del Cinquecento.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Notes for a first reading of Gaspara Stampa's "poor libretto"
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)127-138
Numero di pagine12
RivistaSTUDI RINASCIMENTALI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2013

Keywords

  • gaspara stampa
  • lirica femminile
  • petrarchismo
  • poesia rinascimentale

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Appunti per una prima lettura del "povero libretto" di Gaspara Stampa'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo