Alle fonti del cristianesimo. Gustavo Testa e i pellegrinaggi italiani

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Lo studio presenta l'edizione critica del diario di pellegrinaggio steso da don Gustavo Testa, allievo del Pontificio istituto biblico e poi delegato apostolico in Egitto e Medio Oriente, durante il viaggio compiuto in Terra Santa nell'autunno del 1913. In particolare, nell'introduzione, contestualizza l'esperienza del giovane sacerdote all'interno di un duplice movimento teologico-pastorale: da un lato, la rinascita del pellegrinaggio d'espiazione verso Gerusalemme a partire dai primi anni dell'Ottocento, dopo la riapertura napoleonica dello spazio ottomano, con una crescente produzione letteraria, anche in italiano, segnata da finalità restaurative; dall'altro lato, il rinnovamento degli studi teologici, biblici e storici d'inizio Novecento, alimentati anche dalla riscoperta archeologica della Terra santa quale luogo fisico della predicazione messianica, con la fondazione dell'École pratique d'études bibliques, i primi sospetti vaticani sull'eterodossia dei domenicani e l'emergere di un progetto alternativo da parte di Roma, attraverso un centro-studi guidato dai gesuiti, cui inviare i giovani allievi del Pontificio istituto biblico.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] To the sources of Christianity. Gustavo Testa and the Italian pilgrimages
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)77-175
Numero di pagine99
RivistaIOANNES XXIII
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Pellegrinaggi
  • Gustavo Testa
  • Gerusalemme
  • Terra Santa

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Alle fonti del cristianesimo. Gustavo Testa e i pellegrinaggi italiani'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo