Aimeric de Pegulhan, "Hom ditz que gaugz non es senes amor" (BEdT 10.29): problemi attributivi e nuova edizione

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Il testo di "Hom ditz que gaugz non es senes amor" di Aimeric de Pegulhan è tràdito da cinque testimoni: CRTOc. L’attribuzione al trovatore di Tolosa è dei soli CR, mentre T e c danno la canzone a Arnaut de Maruelh; in O il componimento, che manca dei primi undici versi, risulta fuso con Si com l’arbres, que per sobracargar dello stesso Aimeric, e non ha un’attribuzione esplicita. L’articolo indaga proprio il problema di paternità del testo, giungendo alla conclusione che "Hom ditz" è probabilmente, ma non sicuramente, di Aimeric. Segue una nuova edizione critica del testo con traduzione in italiano e commento.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Aimeric de Pegulhan, "Hom ditz que gaugz non es senes amor" (BEdT 10.29): attribution problems and new edition
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)67-81
Numero di pagine15
RivistaMEDIOEVO EUROPEO
Volume4
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Aimeric de Pegulhan
  • Attribution
  • Lirica trobadorica
  • Textual Criticism
  • Troubadour Lyric
  • attribuzione
  • critica del testo

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Aimeric de Pegulhan, "Hom ditz que gaugz non es senes amor" (BEdT 10.29): problemi attributivi e nuova edizione'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo