A CAVAL DONATO NON SI GUARDA IN BOCCA? PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE AL VAGLIO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. DANNO E RESPONSABILITÀ

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Intervenuta ad interpretare il punto 31 dell'allegato I della direttiva 2005/29/CE, concernente le pratiche commerciali sleali delle imprese nei confronti dei consumatori nel mercato interno, la Corte di Giustizia Europea rileva come i messaggi circa la vincita di premi per il cui ottenimento il vincitore debba sostenere un costo, ancorché minimo, violino il divieto di pratiche commerciali sleali. L’occasione offre, altresì, lo spunto per analizzare come la fattispecie in esame, recepita all’art. 26, lett. h) Cond. Cons., seppur formalmente sia ricompresa nell’elencazione delle pratiche commerciali in ogni caso aggressive, dovrebbe più correttamente essere ricondotta alla tipologia di pratiche ingannevoli, sussistendo un inganno a scapito del consumatore.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] DON'T YOU LOOK AT YOUR MOUTH IN CAVAL DONATO? INCORRECT COMMERCIAL PRACTICES UNDER CONSIDERATION BY THE COURT OF JUSTICE. DAMAGE AND LIABILITY
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)829-837
Numero di pagine9
RivistaDANNO E RESPONSABILITÀ
Stato di pubblicazionePubblicato - 2013

Keywords

  • Corte di Giutizia
  • consumatore
  • pratiche commerciali scorrette

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'A CAVAL DONATO NON SI GUARDA IN BOCCA? PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE AL VAGLIO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. DANNO E RESPONSABILITÀ'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo